Pyramid Fall 2011

Invitation.jpg 

La prima edizione della piramide risale a Giugno del 2007.  
Essellianamente parlando …non ero ancora nato 😉 
Lion e Jeb mi incontrarono nella sandbox di Indire all’alba della terza edizione. 
Alla quale fui onorato -e allo stesso tempo molto spaventato- di partecipare. 
Ricordo ancora di essere andato nel pallone mentre Lion, 
con una pazienza davvero ammirevole, cercava di aiutarmi 
nelle operazioni -per me assolutamente innaturali- di dover ‘esporre’ le mie robe… 
Da allora, in oltre quattro anni di attività, ben quattordici edizioni si sono succedute. 
Per una delle esperienze (non solo artistiche) più longeve in assoluto, 
esistenti all’interno di una SL italiana spesso, a torto o a ragione, troppo bistrattata. 
Per tutte queste ragioni, La Piramide, non è mai stata, 
non è e non potrà mai essere solo una semplice galleria… 

*************************

Apre da stasera, Giovedì 29 settembre 2011 alle 23,00 (2.00 PM-SLT),
la nuova mostra collettiva sul building artistico in Second Life 
all’indirizzo http://slurl.com/secondlife/INDIRE/80/216/23 
Sculture, primpaintings, installazioni e opere cinetiche. 
Vi attendiamo per la presentazione delle opere
esposte dagli artisti del gruppo Orion Tales:

Aloisio Congrejo 
Daco Monday 
Giovanna Cerise 
Gleman Jun 
Kicca Igaly 
Lion Igaly 
Maryva Mayo 
Nessuno Myoo 
Nino Vichan 
Peste Razor 
Solkide Auer 
Tani Thor 

L’esposizione rimarrà aperta per i tre mesi successivi all’opening. 

Back To Home

nessuno myoo, second life, art, sculpture, digital, 3d, giada cortes, back to home,  

All’inizio di questa estate, Giada Cortes, un’ amica che in SL ha una land meravigliosa, 
dove sovente organizza eventi legati al mondo dell’arte e della cultura, 
-lei stessa è una pittrice di notevole talento-  
ha invitato me ed altri amici a realizzare dei lavori che avessero come tema 
( è il caso di dire ) ‘trainante’  quello della ‘barca’, in tutte le sue accezioni. 
Pur sapendo di non avere, ahimè, ne il tempo ne i prim necessari per quello che avevo in mente, 
le promisi che prima o poi avrei realizzato il mio lavoro, perché il soggetto mi intrigava molto. 
Bene, credo di aver mantenuto la promessa, e con un pezzo di buona fattura anche :°) 
Qui sotto, come di consueto, trovate un breve commento che ne accompagna il viaggio, 
in alto, invece, avete una piccola anteprima fotografica della locandina d’invito, 
e, dulcis in fundo, in coda al commento, un magnifico regalo di Lion Igaly, 
che ha voluto omaggiare il lavoro con un video estemporaneo, 
nato sull’onda dell’entusiasmo della prima visione… 
Come sempre, un grazie a te Lion, per apprezzare ancora quello 
che quest’ammasso di piume e bulloni vari tenuti assieme
alla bell’e meglio di ness riesce, nonostante tutto, a costruire con tanto entusiasmo 😉 

‘Back To Home’ è soprattutto la storia di un viaggio.  
Un viaggio che siamo chiamati a compiere tutti. Oggi come ieri. 
Anche per queste ragioni, l’icona di un galeone spagnolo muta, in qualche modo, 
in quella di un vascello stellare, dal sapore vagamente steampunk. 
A metà strada fra il vecchio e il nuovo, fra il sogno e la realtà. 
Un veicolo fantastico, capace di condurci ovunque desideriamo andare. 
Ma è soprattutto di un viaggio immaginario che stiamo parlando: 
il galeone è saldamente ancorato a delle cime sospese nel vuoto. 
Quindi immobile. Fluttuante. Fermoimmagine di una ipotetica virata. 
Il disegno, creato dal contrasto della fine di ognuna di quelle cime, sembra suggerire all’osservatore
più attento una misteriosa scrittura musicale, eseguita da chissà quali strumenti sconosciuti… 
Molti i riferimenti che possono aiutarci a scoprire di più circa le luci, e le ombre, di questo viaggio. 
Alcuni decisamente evidenti, altri meno. In ogni caso mai nascosti.  

L’ opera rimarrà esposta al pubblico per un mese, 
a partire da questo venerdì 16 settembre, nella sim di Alaska
Si inaugura alle ore 22.00 (1.00 SLT),  
con una sorpresa davvero speciale, di cui non svelo nulla per ora :°)    
Colgo l’occasione anche per ringraziare della straordinaria accoglienza gli amici e curatori
del progetto, Charysma e Swina Allen, assieme all’owner della land Madent Seiling.  
A loro tutta la mia gratitudine per l’enorme disponibilità che da subito
hanno concesso ad ognuno dei miei singoli prim, in maniera incondizionata.
Grazie davvero ragazzi 🙂 
Non resta quindi che augurare a voi tutti …Bon Voyage! 

 

Il ritorno del figliol prodigo

fdc.jpg 

Una volta si diceva che ‘solo gli stupidi non cambiano mai idea’. 
Ma qui si esagera. O forse si pecca di troppa intelligenza. 
Chi lo sa? Sta di fatto che, così come accade fin troppo spesso 
per la prima, di vita, anche nella seconda la coerenza 
diviene un concetto così astratto …da risultare persino creativo.  
Il re è nudo si …ma a chi interessa in fondo? 
Un doppio salto mortale con avvitamento è il gioco è fatto! 
Anche la parabola sul ritorno del figliol prodigo assume nuovo significato.