The Cube Project



locandina.png 

Davvero molto interessante il progetto nato, voluto e promosso da Bryn Oh 
per la LEA ( Linden Endowment fo the Arts ) con la partecipazione  
di alcuni fra gli artisti più noti e prolifici di second life che hanno 
risposto al suo invito dando vita ad una vera e propria collettiva mastodontica. 
Una collettiva che sarà a disposizione di tutti a partire da oggi per un’ intera settimana. 
L’idea di ‘The Cube Project‘, come si leggeva nella notecard di invito a partecipare, 
è stata quella di chiedere ad ogni artista la creazione di un lavoro utilizzando 
esclusivamente l’elemento più semplice della costruzione in SL: il cubetto. 
Tendenzialmente di colore nero oppure bianco, lo si è potuto allungare, bucare, 
texturizzare, lucidare, scriptare, accendere o rendere parzialmente invisibile… 
Il tutto per una disponibilità di 300.000 prims su una superficie espositiva di 20 sims. 
Si avete letto proprio bene: 20 regioni intere sotto un unico progetto.  
L’ambizione, quella di vedere come ogni singolo estro creativo avrebbe risposto 
col proprio talento vedendosi così drasticamente ridotti gli strumenti a disposizione, 
nel poco tempo concesso e nel tentativo di amalgamare il risultato finale agli altri. 
Bryn stessa, all’interno del suo blog, descrive molto bene di come le è nata la curiosità,  
raccontando di quando durante gli studi all’accademia d’arte uno degli esercizi più utili
nell’apprendimento della pittura a olio fosse proprio quello di cercare 
di limitare il numero dei colori presenti sulla propria tavolozza… 
E devo dire che il risultato è stato straordinario per ognuno. 
Interessante anche notare come lo stile di ciascuno sia emerso prepotentemente. 
Ness come era prevedibile si è entusiasmato non poco all’idea di parteciparvi,  
accogliendo di buon grado la sfida con se stesso e presentando  
un lavoro piuttosto complesso e ovviamente inedito dal titolo ‘The Sentinel’, 
un’ installazione nata dal desiderio di poter esprimere 
il senso umano dell’attesa contenuto all’interno dei cubetti replicanti,  
di cui avete qui sotto una piccola anteprima fotografica 
e le poche parole che al solito ne accompagnano il viaggio…

the sentinel.jpg

“E’ la storia meravigliosa di una macchina del passato di cui si è persa la memoria, 
e che a un certo punto diventa una sola cosa con le antiche meraviglie 
custodite attorno a se. Epopea dell’infinita e silenziosa attesa… ”  

E’ possibile accedere direttamente all’installazione a questo slurl: 

http://maps.secondlife.com/secondlife/LEA18/94/127/10 

Per chi lo desiderasse inoltre il progetto è già disponibile 
sulla Destination Guide ufficiale di Second Life:

http://secondlife.com/destination/the-cube-project

A Strange Coincidence ad ArtEdLand

 



nessuno myoo,second life,art,sculpture,installation,mexi lane,damiax thor,myhns mayo,kicca igaly,lea,stanley kubrick,full metal jacket,3d,digital world,virtual,universe,metaverse

A partire da questa sera, martedì 14 agosto alle 22.00 ora italiana (1.00 PM-SLT),
verrà esposta per circa un mese nella sim di ArtEdLand, curata da Damiax Thor e Myhns Mayo, 
la mia installazione dal nome ‘A Strange Coincidence‘. 
Presentata originariamente all’interno del lavoro realizzato assieme a Kicca Igaly 
per la LEA Full Sim Art Series del marzo scorso, intitolato ‘The Labyrinth Of Absurdity‘, 
è un’installazione dalla storia piuttosto curiosa di cui voglio parlarvi brevemente…  
Tutto ha inizio da una scena memorabile di uno dei film più famosi di Stanley Kubrick, 
ovvero ‘Full Metal Jacket’ e la scena in questione è quella del suicidio della recluta ‘palla di lardo’.  

 

Rimasi così affascinato dall’intera sequenza che decisi alla prima occasione 
di renderle in qualche modo omaggio. L’opportunità si presentò qualche mese dopo 
grazie un contest organizzato da Mexi Lane nella allora sim di Experience Italy. 
La competizione era dedicata a un tema che era tutto un programma: ‘The Big Bang’. 
Nelle intenzioni di rileggere e reinterpretare questo enorme ‘primo colpo’ dell’universo, 
avevo progettato di rappresentare un suicida seduto sulla tazza del cesso, un attimo dopo 
la detonazione dell’arma ancora fumante fra le mani, e ravvisare fra gli schizzi disordinati 
delle cervella sulle piastrelle attorno una sorta di nuovo universo nascente :°)  
Purtroppo, sia per i tempi biblici con cui sono solito realizzare i miei lavori, 
sia per le dosi massicce di primmini (che già da allora mi rendevano le cose 
non sempre semplici dal punto di vista delle opportunità), il progetto -ahimè- sfumò 🙁   
Ma non lo abbandonai mai del tutto. Anzi. Ed è così che nacque A Strange Coincidence

nessuno myoo,second life,art,sculpture,installation,mexi lane,damiax thor,myhns mayo,kicca igaly,lea,stanley kubrick,full metal jacket,3d,digital world,virtual,universe,metaverse

Un consiglio: avventuratevi nella scoperta dei dettagli. 
Infine le solite raccomandazioni…per godere appieno dell’installazione 
dovete avere settata una buona qualità grafica, ed entrare 
all’interno della stessa con gli avatar, in modo da permettere ai diversi punti luce 
di fare al meglio il loro lavoro. Io consiglio la visione notturna. 
Come sempre spero possiate divertirvi :°)  

Shivers Unleashed 2012



locandina festival.jpg 

Parte da domani, venerdì 3 agosto alle ore 9.00 AM-SLT, lo Shivers Unleadshed Festival 2012.  
Una maratona di ben tre giorni durante i quali 25 fra i più apprezzati e noti musicisti 
del panorama musicale del metaverso, e non solo, avranno il piacere di esibirsi sul palco 
costruito all’interno della struttura che ospita l’evento, giunto quest’anno alla sua seconda edizione. Un’edizione, questa, che per la prima volta prevede uno spazio dedicato all’arte figurativa, 
nella consapevolezza che l’unione con la musica non possa che esaltare le potenzialità di entrambe. 
Ho così accettato con entusiasmo l’invito dei curatori della rassegna ad esporre
accanto ad artisti del calibro di Yooma Mayo, Daco Monday, Nino Vichan e Angilika Crystal,
interpretando, in una rilettura di uno dei miei ultimi lavori che più amo, il tema del brivido 
senza catene, in questo viaggio che spero sia anche di vostro gradimento :°) 

Esiste una pagina facebook al festival che è questa: 

http://www.facebook.com/SufShiversUnleashedFestival 

e un programma molto dettagliato che è possibile scaricare qui in versione pdf: 

https://dl.dropbox.com/u/37289780/SUF2012%20artist%20info%20summary.pdf  

Per qualsiasi altra informazione e curiosità 
non esitate a contattare IW sChen Resident o Mania Littlething. 
A me, come al solito, non resta che augurarvi buon divertimento :°)