Ce Soir Arts



locandinapost.jpg

Fa sempre piacere incontrare sul proprio cammino persone che apprezzano il lavoro fatto 
durante il trascorrere degli anni. Fa ancora più piacere quando l’apprezzamento si trasforma 
in un gesto concreto come quello di una esposizione di spessore che assume gli aspetti 
di una vera e propria personale. E di una personale ricca e generosa anche, sia dal punto di vista 
dello spazio che delle risorse. Il piacere raggiunge l’apice poi quando ad ospitare questa personale 
è una sim dalla bellezza delicata e dalla tradizione oramai consolidata nell’offerta 
di tutto quello che da sempre il metaverso regala agli estimatori dell’arte a tutto tondo. 
Sto pensando ad alcuni dei luoghi meravigliosi in cui ho avuto la fortuna di esporre. 
Luoghi come Pixel Arts o Salimar o ancora Lost Town per fare dei nomi.   
Ecco Ce Soir è tutto questo. Se cercate un posto dove poter godere della pace assoluta 
di un piccolo angolo di paradiso..o della lettura e della condivisione della poesia..piuttosto 
che di esposizioni artistiche deliziosamente incorniciate in un contesto perfetto…o anche 
della pura evasione musicale affidata ai numerosi musicisti che vi si esibiscono ogni settimana.. 
Ce Soir è il posto adatto a voi. Rimango sempre stupito ed emozionato davanti alle capacità  
che alcune persone hanno di concretizzare i propri sogni e le proprie passioni condividendole. 
Un grazie sentito a Mireille Jenvieve e Aeon Woodford per aver creato il loro di sogno, 
e per avermi offerto in qualche modo l’opportunità di farne parte per un intero mese. 
Con gioia quindi vi invito alla opening che si terrà questa sera, 
domenica 2 settembre alle ore 23.00 ( 2PM-SLT ), nella meravigliosa terra di Ce Soir.  
Per me sarà l’occasione di esporre ancora una volta alcuni dei lavori che più amo 
e che troppo spesso per problemi legati al numero eccessivo dei prims 
difficilmente riesco a tenere per mano in una singola esposizione, e per voi, spero, 
quella di apprezzarne ancora di più l’amore col quale sono stati concepiti. 
Oltre il punto d’ arrivo nella piccola galleria allestita e nel giardino subito fuori, 
vi consiglio di percorrere il vialetto che abbraccia l’intera area alla scoperta 
delle altre sculture disseminate un po’ ovunque, in cielo in terra e in ogni luogo… 
Solite raccomandazioni a cui siete oramai abituati: 
impostate una buona qualità della scheda grafica ed avvicinatevi alle opere con l’avatar. 
Tutte rilasciano al tocco una notecard informativa completa della biografia. 
Ad impreziosire la serata la performance canora di Samm Qendra,  
un angelo dotato di una voce così straordinaria e sconvolgente 
da riuscire a far vibrare forte d’emozione corde in posti dove altri cantanti 
non hanno nemmeno i posti…qui sotto un piccolo assaggio della sua bravura.